TRASPARENZA

ONESTA'

COERENZA

Città Metropolitana di Cagliari

October 7, 2019

Il 10 novembre ci saranno le nuove elezioni dei consiglieri della Città Metropolitana, pensavo che mi venisse data la possibilità di espletare questo incarico fino a giugno del 2020, data in cui decadrò da Consigliere Comunale di Quartu Sant’Elena, ma evidentemente, il mio impegno e la mia esperienza non sono apprezzati all’interno del Movimento 5 Stelle Sardo.

 

La mia attività come Consigliere Metropolitano in questo unico mese di attività è stata, oltre ad un indagine conoscitiva dei processi interni, il verificare la fattibilità e proporre l’avviamento di un progetto di monitoraggio sui manufatti contenenti amianto presenti su tutto il territorio metropolitano.


Un monitoraggio che consentirebbe l’acquisizione di immagini ad alta risoluzione (pixel da 5cm) che debitamente processate restituirebbero informazioni riguardo lo stato di conservazione delle coperture di amianto, individuando e valutando il rischio di dispersione delle fibre killer.
I dati estrapolati potrebbero fornire anche l’identificativo catastale, avviando così un iter per la segnalazione alle amministrazioni locali e magari veicolando le risorse pubbliche per lo smaltimento di tali manufatti dove è più opportuno.


Questo progetto andrebbe a sopperire ad anni di assenza dello stato e degli enti locali in materia di prevenzione dai rischi di esposizione e dalla reale bonifica dei siti inquinanti.

 

Per quanto riguarda l’analisi dei processi interni, in special modo focalizzato all’acquisizione, in generale, di dati su tutto il territorio, ciò che accomuna un po’ tutti gli enti locali è la mancanza di uniformità delle informazioni in entrata ed il loro flusso di distribuzione.

Le criticità non sono imputabili tanto al sistema informativo ed alla sua gestione, ma proprio al modo di acquisizione del dato stesso.
Riuscire ad avere uniformità dei dati in entrata su una tematica è generalmente un lavoro di “post processing” del dato stesso, ciò implica un elaborazione ed un passaggio suppletivo all’azione di “data entry”.


Avere informazioni aggiornate, consultabili e magari georiferite e la base della conoscenza per coloro che sono deputati all’analisi delle problematiche ed alla pianificazione strategica ed operativa.
In breve, avere uno strumento univoco di acquisizione dati per tutti i settori di ogni comune, appartenente alla città metropolitana, renderebbe i processi su menzionati intuitivi e veloci.


La progettazione di una App per smartphone con particolari caratteristiche e con un data base interfacciabile con i Gis o visualizzatori Gis sarebbe uno strumento di facile realizzazione, a basso costo, da non confondere con le App già esistenti ed in uso in alcuni comuni che recepiscono le segnalazioni.

 

Ringrazio chi mi ha dato fiducia ed auguro buon lavoro a tutti, sottolineando che lavorare per il bene dei cittadini dei 17 comuni della città metropolitana implica spirito di collaborazione tra tutte le forze politiche presenti.

 

Un'idea non è di destra né di sinistra. E’ un'idea, buona o cattiva” (Gianroberto Casaleggio)

 

 

Guido Sbandi
Pv Mov5s Quartu Sant'Elena

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Potrebbe interessarti anche:

UN ALTRO PASSO DI SOLI 500 METRI

December 9, 2019

UNA STRADA SENZA RITORNO

December 4, 2019

1/15
Please reload

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now