• G.Sbandi - Pv M5S

La teoria del Caos


In questi giorni è alla ribalta delle cronache quartesi la vicenda degli operatori del verde pubblico, mesi fa era il turno degli operatori del servizio della sosta, a seguire i dipendenti della devizia, i cittadini seguiti dai servizi sociali, etc, etc..

Questi non sono i problemi della città, ma solo le conseguenze.

La mentalità politica a cui negli anni ci siamo abituati è completamente sbagliata, dove i protagonisti inconsapevoli sono i cittadini quartesi, ma i registi, gli sceneggiatori, i truccatori ed i macchinisti sono sempre i politici o persone a loro collegate, i nomi li conoscete tutti, poichè puntualmente vengono votati, ma anche se non vengono votati, statene certi, sono sempre dietro le quinte ad organizzare e suggerire le dinamiche per provocare il caos.

Infatti l'assetto politico nel palazzo non è semplice, come a prima vista si potrebbe ipotizzare, c'è il Sindaco, usato spesso come causa di tutti i mali, poi ci sono gli assessori della giunta, i consiglieri di maggioranza, i consiglieri di opposizione, i dirigenti e funzionari di maggioranza e quelli di opposizione, poi ci sono tutti i politici non eletti con i loro dirigenti e funzionari, un assetto a comparti stagni, tutti arroccati alle proprie posizioni e pronti, in caso di necessità, a cambiare rotta, a dissociarsi, a creare nuovi gruppi ed alleanze, ma mai ad abbandonare la poltrona.

Più cerco di capire i motivi di questo modus operandi e più mi convinco che il sistema caotico è generato da volontà precise, da lotte personali, da ripicche, da ricatti, da rancori atavici, da prese di posizione che nulla hanno a che fare con l'amministrare una città e gestire il bene comune.

Molte problematiche vengono affrontate con superficialità, lentezza, indifferenza, senza mai riflettere sulla disperazione ed angoscia di chi perde reddito e dignità.

Di chi sono le responsabilità, perchè non vengono assunte mai da nessuno? La città è al colasso e la popolazione stremata forse sarà propensa ad accettare anche "salvatori" riciclati, personaggi che hanno già tutto sapientemente organizzato.

Cittadini, bisogna alzare lo sguardo, bisogna finirla di assecondare chi con scaltra compassione elargisce briciole di democrazia, le tasse che paghiamo si perdono nei meandri di un sistema malato, asfittico, volutamente lento, in attesa della venuta del prossimo "noto". Alle prossime elezioni scegliete cittadini come voi, scevri da catene, liberi di governare per il bene di tutti e della città, rendetevi artefici di un battito d'ali che trasformi la politica futura e non lasciate il futuro in mano a politici trasformati che continueranno a lasciarci caoticamente con le briciole nella mano.

PIENA SOLIDARIETA' A TUTTE LE VITTIME DELL'INDIFFERENZA E DELLA MIOPIA POLITICA.


12 visualizzazioni

TRASPARENZA

ONESTA'

COERENZA

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now